Plugin di Cache su WordPress 3.0

Avevo accennato ad un paio di problemi che sorgono installando WordPress 3.0; del primo ne ho già discusso, veniamo adesso al secondo.

Se stai aggiornando da una versione precedente di WordPress e già avevi installato un plugin di cache questo problema non affliggerà l’upgrade del CMS.
Quindi il problema non riguarda chi si accinge a fare l’aggiornamento, ma solamente le nuove installazioni di WordPress 3.0 e quei domini ove non era in precedenza installato alcun plugin di cache.
E ora vediamo nel dettaglio.

Prima o poi tutti coloro che usano come piattaforma per il Blog il noto CMS WordPress notano una certa lentezza nel caricamento delle pagine, e decidono così di adottare un plugin di cache; ve ne sono diversi, prenderli in considerazione tutti sarebbe praticamente impossibile.
I due più curati, stabili e diffusi, a mio giudizio, sono W3 Total Cache e WP Super Cache; direi che son cugini poiché il secondo deriva dal primo. Io pendo, in preferenza, per W3 Total Cache; è più completo anche se, probabilmente, un po’ più difficile da configurare. Fino a WordPress 2.9.2 installarli – seguendo ovviamente le istruzioni alle rispettive pagine del repository ufficiale di WordPress – era semplicissimo. Con WordPress 3.0, invece, è cambiato qualcosa.

Con WordPress 2.9.2, o una versione precedente, si doveva innanzi tutto cambiare i permessi (chmod) della cartella wp-content portandoli a 777, installare e attivare il plugin per poi rimettere a posto i chmod della directory wp-content a 755. Tutto il resto andava da se; cioè il plugin modificava il file .htaccess, aggiungeva un valore nel wp-config.php e creava le nuove directory a lui necessarie per il corretto funzionamento.

Seguendo quelle istruzioni, invece, con WordPress 3.0 qualcosa va storta e, quando attivate il plugin di cache, non funziona.

Controllando qua e la nel dominio scoprirete che tutto sembrerebbe a posto; le nuove cartelle sono al loro posto, il file .htaccess ha scritte le nuove istruzioni; e nella dashboard, sotto plugin, è presente una nuova voce chiamata Drop-in.

“..i “Drop-in” sono plugin avanzati presenti nella directory /wp-content che, se presenti, sostituiranno delle funzionalità di WordPress; advanced-cache.php Plugin di cache avanzata. db.php Classe database personalizzata..”

Scoprirete così che i Drop-in non sono attivi. Come li attiviamo?

Ed eccoci arrivati al “nocciolo” della questione; WordPress 3.0 introduce nuovi miglioramenti alla sicurezza e non ha permesso al plugin di cache di scrivere una regoletta nel file wp-config; per questo il plugin non s’è attivato.

Risolvere è abbastanza semplice. Dopo aver installato e scoperto il problema, disattiviamo nuovamente il plugin dalla dashboard di WP, colleghiamoci, in modo protetto, via FTP e scarichiamo in locale il file wp-config.php. Apriamolo e, proprio all’inizio, subito dopo l’apertura del PHP, introduciamo la nuova regola che possiamo inserire come seconda riga, cioè tra php e il segno /** incolliamo questo nuovo define:

/** Enable W3 Total Cache **/
define('WP_CACHE', true); // Added by W3 Total Cache

La dicitura “Added by W3 Total Cache” non è un’istruzione, bensì un commento della funzione per potersi ricordare a cosa serve; idem la frase chiusa tra i segni “/” scritta sopra al define, potete cambiarle a piacere oppure ometterle del tutto.

A questo punto non ci resta che riportare il file al suo posto, sempre via FTP, sovrascrivendo il vecchio, tornare in dashboard ai plugin ed attivare W3 Total Cache.. o WP Super Cache, se avevate optato per questo.

Se avete altri problemi potete commentare e ne discutiamo.

Zhenya

Stampa questo Post

Post correlati

5 comments for “Plugin di Cache su WordPress 3.0

  1. Je92
    27 luglio 2010 at 22:06

    Ciao inserendo il define all’inizio del file config.php ottenevo sempre errori di sintassi, così l’ho inserito sotto il define della lingua..va bene lo stesso?

    • 28 luglio 2010 at 18:04

      Si certo, puoi inserirlo dopo il define della lingua. Quando la funzione andava in automatico a buon fine, sino a WordPress 2.9.2, i plugin di cache lo inserivano a inizio file; ovviamente sotto all’apertura del codice php.
      In ogni caso la posizione non ha molta importanza; quel che conta è che sia corretta la sintassi che scriviamo nel file wp-config.php.

  2. BesAroff-online
    17 ottobre 2010 at 07:33

    necessita di verificare:)

  3. Tommye Barter
    12 dicembre 2010 at 09:51

    Definitely, what a great website and enlightening posts, I surely will bookmark your blog. Have an awsome day!

  4. 2 marzo 2015 at 19:00

    Ciao, mi sono accorto che ho la cartella media piena (tipo 37.000 files) creati non so come, non so perché. Sono tutti uno la copia dell’altro, e non ho capito da che dipende. Come posso risolvere? Grazie mille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *