USA e Russia una nuova guerra fredda

Valigetta nucleare 300x211 USA e Russia una nuova guerra fredda

Simbolo supremo del potere atomico

Siamo ad una nuova guerra fredda tra gli Stati Uniti d’America e la Russia.

L’obiettivo prioritario dell’amministrazione Reagan era stato quello di porre fine alla guerra fredda e, in tal modo, la minaccia di una catastrofica guerra nucleare. Il matto, Barack Obama, ha rovesciato questo risultato e sta portando il mondo verso una nuova guerra fredda e l’ipotesi di utilizzo delle armi atomiche.

L’irresponsabilità ed incoscienza di Obama è senza precedenti, è la più grave di tutti i tempi. Il matto della Casa Bianca è riuscito a convincere il mondo intero che la Russia sia una minaccia. Secondo questo idiota e la sua massiccia propaganda, il fatto che la Russia difenda le popolazioni russe in Ucraina (sino adesso solo a parole, perché le armi non c’è prova che siano fornite) da un attacco militare di grossa portata da parte del governo nazista di Kiev, sarebbe la prova che la Russia è il cattivo. Non si lascia pensare alla gente che proprio perché “per fortuna esiste la Russia a contrastare il dominio americano” Kiev non si azzarda ad andare oltre ad azioni circoscritte di guerriglia; guerriglia che comunque sta decimando centinaia di civili.

La conseguenza di interventi politici e militari sconsiderati ed irresponsabili da parte degli USA è quella di scatenare il male e, nelle sue affermazioni, come nell’esercitare egemonia sul mondo, l’America supera quelle del Terzo Reich. Quando il regime incompetente di Obama ha deciso di rovesciare il governo democraticamente eletto in Ucraina, installandovi un governo fantoccio scelto da Washington, il Dipartimento di Stato di Barack Obama, gestito da ideologi neo-conservatori, s’è dimenticato che le porzioni orientali e meridionali dell’Ucraina sono costituite da ex province russe, che queste sono state annesse all’Ucraina ai tempi dell’Unione Sovietica, perché Ucraina e Russia facevano parte dello stesso grande Paese, ossia l’URSS.

Così, i tirapiedi russofobi che gli USA hanno installato a Kiev, stanno dimostrando con le parole e con i fatti, la loro opera di ostilità verso la popolazione russa dell’Ucraina. Da quel momento le ex province russe hanno dichiarato il loro desiderio di tornare a fare parte della Russia; e questo non dovrebbe essere tanto sorprendente come scrivono i quotidiani occidentali e nemmeno è qualcosa che può essere attribuito (in senso di colpevolezza) a Putin ed alla Russia.

Con il ritorno della Crimea alla Russia, il governo, fantoccio dell’Ucraina s’è sentito libero – perché appoggiato dagli USA e dai cretini alla guida dell’UE – di attaccare le regioni di protesta. Altro non hanno fatto se non seguire il modello israeliano, attaccando e bombardando la popolazione inerme, le abitazioni e le infrastrutture civili di quelle aree.

A questo massacro i media occidentali – le prostitute dell’informazione – hanno del tutto ignorato i fatti, la storia e la realtà, decidendo di accusare in un solo ed unico coro la Russia: “E’ tutta colpa della Russia che ha deciso di invadere ed annettere le parti russofone dell’Ucraina.” – Lo ripetono ogni giorno; ma questa è una grande menzogna, paragonabile alle bugie che gli USA raccontavano in sede ONU sulle armi irachene di distruzione di massa.

L’abbattimento dell’aereo di linea malese, compiuto dall’Ucraina e di sicuro – perché oramai è scontato, fa comodo più a loro – con l’appoggio USA, Washington lo ha utilizzato come scusa per un bel giro di sanzioni anti-Russia e di pressioni sui suoi burattini dell’Unione Europea che, da semplici idioti, hanno applicato dette sanzioni senza nemmeno aspettare che sia verificato cosa realmente sia accaduto all’aereo malese. Guarda caso che l’America si basa soltanto su accuse ed insinuazioni, ma si rifiuta di rilasciare l’evidenza dalle foto satellitari; perché? Ma è ovvio, le immagini satellitari di sicuro non supportano le bugie di Washington ed i Paesi che stanno applicando sanzioni contro la Russia molto probabilmente cesserebbero. Di fatto la convinzione che la Federazione Russa sia responsabile per l’aereo di linea malese abbattuto è diventata realtà in tutta Europa, nonostante la totale assenza di prove.

Quindi, concludendo, la temerarietà con la quale Barack Obama – il matto – accusa la Russia è di molti ordini di grandezza maggiore di qualsiasi altro evento in precedenza messo a segno da un Presidente americano. Washington sta convincendo la Russia al riarmo nucleare, a pensare che gli USA potrebbero progettare un attacco nucleare di sorpresa. In risposta la Russia sta rinforzando le sue forze e collauda i sistemi difensivi, proprio in previsioni di eventi catastrofici. In questi ultimi giorni, un consigliere del Presidente russo Vladimir Putin, ha spiegato ai media russi che è in atto una guerra, che l’Europa ha deciso di stare con gli USA e che la Russia altro non può fare se non di tenersi pronta a rispondere e reagire.

Per quelli che pensano ancora che l’America sia il gigante buono del mondo, suggerisco di leggere anche quest’altro interessante documento riguardante la Cina. Se le cose andranno per il meglio senza la distruzione totale causata da una guerra atomica, state certi che, dopo la Russia, verrà la Cina e, stando a come vanno attualmente le cose, questo è del tutto inevitabile.

Zhenya

Stampa questo Post

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *